Righe Indie

Leggere righe tra le righe

Dente e un pubblico poco incisivo marzo 28, 2010

Filed under: Concerto,Dente,Indie,Live,Musica,Perugia,pop,Righe — righeindie @ 4:23 pm
Tags:

Di obiettivo avrà poco questo post, forse perché, eventi come questi, li idealizzi per anni, e poi, col tempo, viene persa la magia della colonna sonora che, ha accompagnato gli avvenimenti, le cose o persone che hanno incrociato la tua vita. 4 album divorati e la voglia di sentirseli cantare proprio da lui: Dente. Finalmente, è arrivato a Perugia, all’Auditorium Vannucci, per la rassegna di giovanti cantautori “Gli Incantevoli”. 25 marzo, un giovedì universitario trascorso seduta su comode poltrone, con poca gente, e lui col ciuffo troppo lungo, con una magrezza nervosa e un gruppo che fa a pugni con la sua immagine di cantate pop da secret concert. Inizia con i primi accordi, con quell’anello sul medio destro che brilla lì dentro. Non c’è silenzio fuori, ma tutti, concitati esternamente, chiacchierano e canticchiano male. Brusio fastidioso. L’aria si riscalda solo con Beato me. Accanto ho due amiche che l’hanno sempre snobbato. Mi hanno accompagnato con i pregiudizi che ci guidavano per arrivare in quel posto troppo isolato per ospitarlo, nonché poco adatto a un musicista vitale come il cantautore di Fidenza. Peveri gioca col suo humour inglese che stranamente in pochi capiscono. Canta Buon Appetito, 28 Agosto e sembra che quell’attesa, quell’immagine di te che piangi al suono di quelle canzoni, sia improvvisamente svanito. Forse per questo arriva poco. Distratta dal batterista dai capelli troppo ricci, troppo rossi. Il pubblico accenna sorrisi, poche macchine fotografiche, pochi applausi. C’è un immobilismo scomodo, anche per me che sto seduta. Le mani degli spettatori più gelide dell’aria condizionata che si respira in quel posto. Nessun gridolino di fans sfegatate. Non fa Verde dei Diaframma. Canta cercando di coinvolgere quel pubblico che, catatonico, guarda, non osserva, non ascolta, ma vede e sente, che è diverso. Va via quasi inorridito da ciò che anche lui ha visto.  A noi il concerto è piaciuto. Dente si dimostra comunque cantautore eclettico, capace di rubare il cuore anche alle mie amiche che, al ritorno, canticchiano e ancheggiano su Baby Building, coi finestrini aperti… è davvero finito l’inverno, ma non in Umbria.

Foto di Marco Sordilli

 

2 Responses to “Dente e un pubblico poco incisivo”

  1. Lhasa Says:

    quando finirai gli esami, andremo al mare con la macchina?

  2. A.+ Says:

    e chissà come mi vedi bene?!
    Ma tu mi vedi a righe?


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...