Righe Indie

Leggere righe tra le righe

fattene una ragione: i tuoi vecchi ascoltano Il Volo febbraio 18, 2015

Filed under: Uncategorized — righeindie @ 5:00 pm

Ieri, sono andata dal dentista. L’assistente alla poltrona mi parlava entusiasta di Il Volo e del meritato premio a Sanremo, e di quanto fossero bravi, belli, bravi, bravi, giovani, bravi. Non me la sono sentita di contraddirla e non perché avessi la bocca spalancata.

ieri, è uscito questo su Bastonate e devo dire che sono d’accordo su tutto.

Dimmi che mai / Che non mi lascerai mai / Dimmi chi sei / Respiro dei giorni miei d’amore /

Dimmi che sai / Che solo me sceglierai / Ora lo sai / Tu sei il mio unico grande amore.

Qualche giorno fa, sentivo i miei genitori cantare questo motivo, sì quello che ha vinto Sanremo, li vedevo fare le stesse movenze con le mani come se fossero anche loro dei cantanti lirici. A casa mia la musica si ascolta, non la mia però, “perché è triste/ troppo urlata / straniera”, ci fermiamo su un punto comune che è Dalla, Mina, Battisti. Dopo un po’ finiamo tutto. E ci fermiamo. Quel momento lì è brutto. E poi ci sono le cuffie. E dopo ancora si ricomincia tutti assieme. Mio padre in macchina tiene molti cd, uno è di Allevi (brrr), altri di colonne sonore di film (belle, noiose, ma belle). L’altro giorno ho visto un cofanetto di Celentano, dentro c’erano delle canzoni bruttissime che non conoscevo, quindi non avrei manco potute cantarle per distrarmi dalla voglia di sboccare a causa di alcune curve.  Insomma, qui si è smesso di comprare musica, musica fatta bene per tutti. Forse perché qualcuno è morto, forse perché alcuni artisti “vecchi” tendono a unirsi a artisti che attraggono pubblico più “giovane” facendo dei duetti (imbarazzanti) che non stimolano più l’acquisto dell’anziano fan. Tipo.  Insomma, abbiamo saltato pure questo cd che poteva farci tutti e tre felici. Il problema è che è davvero difficile scollarsi da certe passioni, da gusti, da certe convinzioni, come se fossero dogmi.

Ma è davvero impossibile trovare un nuovo artista che piaccia a diverse generazioni?

– Per una festa del papà ho fatto una pennetta usb con delle canzoni, alcune gli erano piaciute, tipo quella dei DUMMO. – I DUMMO? Sì.

Sono nata in una famiglia in cui la condivisione è tutto, e finché vivrò qui, nell’attesa di un trasloco, esigerò una colonna sonora adeguata.

Il Volo porterà qualcosa di buono? alla musica NON credo, ma ammetto, con molta sicurezza, che mia mamma comprerà il disco. Mi domandavo se la gente come lei, che ha smesso di comprare dischi da molti anni, potrà risvegliare l’economia musicale negli over 65. Si vedrà più gente alla Feltrinelli? Ci saranno più pensionati dentro gli store musicali che, magari nell’attesa di prendere quel disco (che immagino sia di merda), saranno incuriositi dal cesto delle offerte e ne usciranno con qualcosa di degno? e magari torneranno per prenderne un altro, prima uno di Buscaglione e poi ancora di Modugno, per avvicinarsi a Battiato e poi chissà a chi? Forse un po’ lo spero. Non ho la minima idea su come vada l’industria discografica, non so se questo disco de Il Volo verrà comprato davvero da molti italiani, non so se rimarrà a casa o viaggerà con noi, ma mi sto immaginando mio padre premere il tasto play in macchina, lasciare il volante per orchestrare il vuoto. Io nel dubbio, oggi, mi sono iscritta a scuola guida.

 

2014 dicembre 30, 2014

Filed under: Uncategorized — righeindie @ 5:02 pm

Classifiche? facciamo i dischi che abbiamo ascoltato più spesso durante i viaggi Catania-Roma e ritorno.

Sun Kil Moon – Benji (Carissa canzone del 2014)

Alvvays – Alvvays

Braid – No Coast

Beck – Morning Phase

Sharon Van Etten – Are we there 

HAVAH – durante un assedio

Do Nascimiento – Giorgio

IO e la TIGRE – IO e la TIGRE ep 

Johnny Mox – Obstinate Sermons

Die Abete – Tutto o Niente

Shiva Bakta – 3rd

Be Forest – Earthbeat

Nicolò Carnesi – Ho una galassia nell’armadio

riviera- riviera

poi Fast Animals and Slow Kids, Cosmetic ce li portiamo per l’anno nuovo. e forse anche qualcun altro.
per il resto, continueremo a far le pulizie e a preparare il cenone, ancheggiando con:

e con

 

Mi ritorni in mente settembre 9, 2014

Filed under: Battisti,cosediapiu — righeindie @ 9:30 am
Tags:

Nel 1998 avevo 14 anni, mia cugina 12. Eravamo a casa di nonna, ché la scuola ancora non era cominciata. Io portavo sempre con me un registratore, era nero e rosso, forse della Panasonic, ma non ci giurerei. Volevo fare la giornalista e credevo ci fossero molte cose da raccontare all’interno di una sola giornata. Quel giorno me lo ricordo perché nonna non era mai uscita dalla cucina, mentre noi due scherzavamo sul balcone. Quando abbiamo saputo della morte di Battisti, io e Mari abbiamo cominciato ad intervistarci camuffando le voci.

“ha saputo? ci dica qualcosa” ed in ogni singola registrazione c’era la parola: dolore, canzoni, ritorno, ricordo e grazie.

Mia nonna era ancora in cucina, siamo corse a farle sentire quella cosa, come a farlo uno scherzo. “è morto davvero?” fece di no con la testa, continuò a spadellare ma con la faccia mesta di chi non può crederci. Abbiamo apparecchiato la tavola, in silenzio. Pensiamo abbia sempre creduto a quella finta registrazione, però Lucio Battisti era morto davvero. 

Avevo una cotta per uno, ascoltavo le Spice Girls e i Blur. Non è cambiato molto, manca ancora molto. Anche dopo 16 anni.

Mi manca anche mia nonna. 

 

Non era un RAUDO, bensì un Minicicciolo: Cose belle e cose meh di un concerto che aspetti da un po’ giugno 23, 2014

Filed under: Uncategorized — righeindie @ 10:02 am

Cose meh:

  • I concerti di giovedì.
  • Se sposti un concerto, devi avvertire tutti a tempo debito e spammarlo ovunque.
  • L’orario a cazzo nell’evento. Tra le 21 e le 23 si è capaci di bere e spendere l’impossibile. Ricordati di mettere da parte i soldi del biglietto.
  • Spendere un sacco per prendere un taxi da Gemelli –> a Largo Argentina –> motorino –> bere a San Lorenzo –> Init –> bere al Pigneto –> Init. dormire in zona, riprendere di nuovo mezzi su mezzi. fatica!
  • (Non riuscire a slacciare il casco).
  • Arrivare alla cassa “hanno cominciato da 15 minuti”, ritrovarti ad ascoltare solo 23 minuti di concerto. Hanno suonato poco? O hanno mentito?
  • La poca gente.
  • I ragazzini con le magliette del gruppo, che ti vien voglia di dir loro, “così non va bene!”
  • Betani che non fa stage diving.
  • Un’acustica terribile.
  • Ascoltare solo 5 canzoni.
  • Pensare ai concerti con Luca Benni, che manca sempre troppo.
  • Uscire abbastanza delusi.
  • Bere una brutta birra di 5 euro.

Cose belle:

  • Fare un biglietto Catania – Roma, un giorno prima del solito, anche solo per ascoltare quelle 5 canzoni.
  • Rivedere Capra e ripensare alle cose belle che hai avuto dall’Emilia.
  • I Gazebo Penguins. Punto.
  • I ragazzi di 18 anni che pogano.
  • C’è ancora speranza.
  • Il banchetto.
  • I The Pills.
  • Un letto per dormire.
  • ormonella JOE. 

righe

 

È il primo concerto che vedo dall’uscita di RAUDO. Magari ne vedo un altro eh!

A volte, penso che niente sarà mai come questo:

 

Nel frattempo aspetto il vinile di Santa Massenza che, anche voi, dovreste comprare.

 

P.S. Qui Sollo avvolto dall’abbraccio della Principessa Fiamma di Adventure Time.

gazebi all'init

gazebi all’init

 

IL MIO PRIMO CONCERTO settembre 11, 2013

Stamattina, su facebook, il buongiorno me l’ha dato Benty con questo post qui. Pare che Farabegoli abbia cominciato a raccontare del suo primo concerto e quando @disappunto inzia, ecco, non puoi far altro che leggere, stupirti e seguirlo. Oggi però, qui, lo fa Manuela, che tutti conoscono come @manuconta, che è una di quelle persone che si fa amare anche se non ne conosci l’odore dei capelli. Tutti e tre i post sono uniti da pantaloni di pelle rossa, capelli lunghi e cuori cornuti. Insomma, i Litfiba. Gli altri post degli altri primi concerti li trovi sui socialne’.

 

“* Piero Pelù sembra aver segnato la meglio gioventù, almeno di quelli che con la musica in un modo o nell’altro hanno avuto a che fare, e senza cantare o suonare.

Avevo 18 anni, anzi, nemmeno, era gennaio, o forse febbraio, li avrei compiuti di lì a poco, c’era del fermento a scuola e degli embrioni di vita politica. Catene dell’amore, collettivi, l’astio verso l’America di Bush.
Non si parlava mai di musica e politica a casa, non si parlava quasi mai di nulla che interessasse noi giovani in realtà, anche se c’erano tre ragazzi su cinque commensali.
Avevo il vinile di El Diablo, l’avevo comprato qualche giorno prima del concerto, lo facevo girare su quello stereo comprato non più di tre anni prima, aveva sostituito tardivamente il mangianastri dove infilavo i due 45 giri di mia mamma, cantava Francoise Hardy. Per anni sono state musicassette di Baglioni e Venditti, non avevo fratelli o amici più grandi che mi facessero conoscere gli Smiths, era una formazione da DJ Television dopo pranzo.
Avevo poche amiche fidate ma al concerto ci andai da sola, presi l’autobus e mi avventurai, non ricordo se di nascosto di mio padre ma con la complicità di mia madre, oppure era già il periodo in cui si era rassegnato alla primogenita che si ribellava alla sua autorità.
Probabilmente tornai a piedi, c’era una salita infinita e non sentii la minima stanchezza.

Avevo la media dell’otto a scuola, non avevo tatuaggi o piercing, non mi vestivo strana, non mi facevo capigliature sparate sulla testa. Ma nel parterre del palazzetto incontrai una della quinta D che aveva tutto questo e mi stava simpatica, era l’unica faccia nota con cui scambiai due parole prima di fiondarmi davanti alla transenna.
Avevo una cotta micidiale per uno che veniva in classe con me, ma erano solo lunghe passeggiate e discorsi sull’andarsene dalla nostra città, era il ragazzo più algido e pazzo che avrei mai conosciuto in vita mia.
I pantaloni di pelle rossi di Piero Pelù mi svelarono un altro orizzonte. Orizzonte che in ogni caso si é sempre fermato davanti al pelo superfluo e all’omo che ha da puzzà.

Ho quarant’anni, non faccio altro che sentir parlare di politica e di musica in tutti i social network che mi ostino a frequentare, vivo da sola per scegliere da me di cosa non parlare.
Non compro più CD da tempo, i vinili li ho persi in qualche scatolone di uno degli innumerevoli traslochi, mi fanno schifo gli emmepitrè, ma ieri ho acquistato un e-book.
Ho ancora delle amiche, alcune sono quelle di vent’anni fa, altre si sono aggiunte in modo ancora più morboso alla mia vita. Mio padre se ne andò per una malattia giusto un anno dopo quel concerto, non ho mai scelto per me uomini che lo potessero sostituire.
Non mi sono laureata, non ho una carriera davanti, non ho grandi ambizioni se non conservare questa inattesa serenità inseguita per decenni. Non ho nemmeno grandi rimpianti, forse quello di non aver imparato bene a suonare uno strumento.
Sul sesso non la penso più come quand’ero minorenne, si può stare bene anche senza l’amore della vita, basta avere la fortuna di trovare una bella sintonia e del reciproco rispetto. Anche con un tappetino di peli sul petto.

Di quel concerto del ’91 ricordo che cantai, che mi emozionai, che ballai davanti al palco. Fortunatamente sono cose che riesco a fare ancora oggi”.

 

La parola grazie non è mai stata così musicale giugno 13, 2013

Filed under: Uncategorized — righeindie @ 4:36 pm
Tags:

L’anno scorso ad ABBASSA! (riguardati il video per sospirare se c’eri e per rosicare se hai preferito andare al mare e quindi decidere di recuperare ora) c’eravamo pure noi, innanzitutto per aiutare il Circolo Musicale Lato B e poi perché con tutti quei concerti non andare sarebbe stato da pazzi. Quest’anno si bissa, ma si vuol dire grazie ai presenti e allo stesso tempo aiutare il Comune di Finale Emilia per il restauro del Teatro Sociale che versa ancora in uno stato di grave dissesto. Sarà una due giorni imperdibile.

Vediamoci allora alla Festa del Ringraziamento, sabato 22 giugno e domenica 23, a Finale Emilia, con Bob Corn, Cosmetic, Cut, Ed, Gazebo Penguins, Girless & The Orphan, His Clancyness, I Dinosauri, Julie’s Haircut, Lo Stato Sociale, Stefano Pilia, The Death of Anna Karina, ThreeLakes & The Flatland Eagles., Zeus! Biosystem55, Butch, Mick & Flip, Charing Cross, Cronauta, Dead Poets Society, Duit, Faraday Cage, Foskija, Fragil Vida, Lab69, Maybe Happy, Naixin, Pistols & Flowers, Radias, Three In One Gentleman Suit e Zero. Si inizia presto, alle 15:30.

Qui il sito ufficiale

e qui clicca su Parteciperò, ma vieni sul serio eh!

ringraziamento

 

Ven(e)to d’estate

Filed under: Uncategorized — righeindie @ 4:18 pm
Tags:

Io vado a Chioggia voi che fate?
Ok, è arrivato il momento di organizzare le vacanze, o di fare qualche pausa dalla sessione estiva degli esami, quindi perché non unire mare e musica?

Sona! Una rotonda sul mare indipendente sono otto concerti ad ingresso assolutamente gratuito di alcuni degli artisti più interessanti del panorama alternativo italiano, che da giugno a settembre porteranno a Chioggia la loro musica, i loro talenti, la loro voglia di far ballare e stare
bene.
Si comincia, domani, 14 giugno con i pesaresi Brothers In Law.
E si prosegue con:
21 giugno WOW
26 luglio Il Triangolo
02 agosto Holidays
09 agosto Dumbo Gets Mad
16 agosto C+C=Maxigross
17 agosto Granturismo
06 settembre Alessandro Raina

Dove? ma al Point Break, Lungomare Adriatico Chioggia, Venezia. c/o Bagni Clodia.

flyer_sona

In collaborazione con Domus Clugiae, Calle Luccarini 825, Chioggia, Venezia
Media Partner: Frito Rebelde, Radio Sherwood.

Altre info:

so.manyinfo@gmail.com
solovve.tumblr.com

 

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.